SCORRI E FIDATI,SEI ACQUA PUOI.

Schopenhauer Diceva: “Essere consapevoli di ciò che si prova dentro di sé, senza sentirsi sbagliati, è il passo fondamentale per essere padroni di se stessi.” Ecco. Concedi “te” a te stesso. Concediti di fare i capricci, di non essere sempre perfettamente allineato al bon ton e a ciò che sembra giusto e che si dovrebbe fare. Ma chi se ne frega! Ecco parti da questo! La vera intimità nasce dall’intimità con se....... Continua a leggere…


ESISTE UN LUOGO NEL CUORE DOVE SPINGERSI E VIAGGIARE E DOVE CONTINUARE E CREDERE E REALIZZARE

L’ostacolo è sempre direttamente proporzionale al valore del viaggio. Esistono momenti di profonda fragilità, sono i momenti cruciali, i migliori per rilanciare i dadi e decidere il corso della partita. Non esistono punti di arrivo esistono solo sempre nuovi punti di partenza. È come essere alla finestra e decidere di uscire anche in caso di bufera annunciata. È non farsi influenzare e ogni giorno ricalibrare, sé stessi e il....... Continua a leggere…


Milan Kundera dal libro “l’insostenibile leggerezza dell’essere”

Non certo la necessità, bensì il caso è pieno di magia. Se l'amore deve essere indimenticabile, fin dal primo istante devono posarsi su di esso le coincidenze, come uccelli sulle spalle di Francesco d'Assisi. (Meravigliosa immagine dalla Saga Fallen) ....... Continua a leggere…


estratto di una bellissima lettera scritta da RUDOLF NUREYEV

"Ricordo una ballerina Elèna Vadislowa, famiglia ricca, ben curata, bellissima. Desiderava ballare quanto me, ma più tardi capii che non era così. Lei ballava per tutte le audizioni, per lo spettacolo di fine corso, per gli insegnanti che la guardavano, per rendere omaggio alla sua bellezza. Si preparò due anni per il concorso Djenko. Le aspettative erano tutte su di lei. Due anni in cui sacrificò parte della sua vita. Non vinse il concorso........ Continua a leggere…


estratto di una bellissima lettera scritta da RUDOLF NUREYEV

"Ricordo una ballerina Elèna Vadislowa, famiglia ricca, ben curata, bellissima. Desiderava ballare quanto me, ma più tardi capii che non era così. Lei ballava per tutte le audizioni, per lo spettacolo di fine corso, per gli insegnanti che la guardavano, per rendere omaggio alla sua bellezza. Si preparò due anni per il concorso Djenko. Le aspettative erano tutte su di lei. Due anni in cui sacrificò parte della sua vita. Non vinse il concorso........ Continua a leggere…


estratto di una bellissima lettera scritta da RUDOLF NUREYEV

"Ricordo una ballerina Elèna Vadislowa, famiglia ricca, ben curata, bellissima. Desiderava ballare quanto me, ma più tardi capii che non era così. Lei ballava per tutte le audizioni, per lo spettacolo di fine corso, per gli insegnanti che la guardavano, per rendere omaggio alla sua bellezza. Si preparò due anni per il concorso Djenko. Le aspettative erano tutte su di lei. Due anni in cui sacrificò parte della sua vita. Non vinse il concorso........ Continua a leggere…


PERCHE UNA LETTERA E L’EMOZIONE DEL SENTIRE, L’ODORE DEL TOCCARE E LA POSSIBILITA DI FARSI SFIORARE

Mi piace scrivere e così tanto da affidare allo scrivere ciò che di più prezioso sento. In una lettera non è importante dire o dirsi, in una lettera basta anche non dire, per sentirsi. Una lettera è sempre speciale, la tocchi, la vivi, la senti. Una lettera è cavalcare il tempo a ritroso per ripescare in ciò che è da sempre e che per sempre vale. Una lettera sono le mani di chi prima di te l’ha toccata e l’ha vissuta. Una lettera è s....... Continua a leggere…


UN PAIO D’ALI NELL’INCAPACITA A RICORDARE IL DONO IN OGNI DIFFICOLTA.

Solo chi ha provato la sofferenza e la pesantezza può sforzarsi a tal punto da farsi spuntare le ali e imparare a volare. Solo chi conosce il buio può arrancare con forza ma nella direzione della luce. Solo chi sa cosa sia la sconfitta, può trovare il modo di sovvertire ogni cosa e trovare la fortuna. Solo chi sa cosa sia la tristezza, può compiere il più grande dei miracoli e risvegliare la vera gioia. Solo chi non sa cosa sia....... Continua a leggere…


LA TEMPESTA CHE SI FA BONACCIA,I DEMONI CHE SANNO FARSI ANGELI E GLI UOMINI CHE SANNO DIVENIRE UNIVERSO, QUESTO E L’AMORE.

Non è mai notte nel buio che sa farsi spazio per essere amore. Non è mai pioggia sul sole che sa sorgere per illuminarsi d’amore. Non è mai tempesta nell’oceano divenuto acqua che scorre e accompagna per amore. Non è mai “non”, nell’amore. L’amore è il migliore degli espedienti perché tutto sappia essere e sempre. L’amore è il complicato rafforzarsi per sé ma l’immensa capacità di rafforzarsi per non pesa....... Continua a leggere…


UN GIORNO NON PER CASO (repost 31 gennaio 2017)

家 Non è quel che è fuori, ma è quel che è dentro e se quel che è fuori trova un senso, lo trova perché un senso lo trova dentro, nel cuore. Era tanto il freddo stamattina, "Andrea per favore, metti il piumino che andiamo a prendere nonna a Rivalta". Usciamo un po' di corsa e in ritardo come al solito, mi accorgo intanto di non aver fatto benzina al solito distributore, quindi chiamo mia madre che mi consiglia un distributore nei pres....... Continua a leggere…