Fuori il campanile e i suoi delicati rintocchi, sembra volermi ricordare che il tempo non è più tempo e che è tutto così meraviglioso quando scorri lento. Il silenzio sembra sussurrare carezze, il fiato sembra farsi sospiro e respiro ed il vuoto si riempie di meraviglie. Un incontro inaspettato, un sorriso regalato, una frase che ti si avvinghia al cuore e che sa di casa e bene. Un desiderio piccolo piccolo ma che si crede un gigante. Il fred....... Continua a leggere…



PERFETTO COSÌ COME È, PERFETTO COME TE.

È che la tua vita sa in modo così perfetto come farti avvicinare a te, è che il tuo esistere sceglie ogni volta modi bizzarri e discutibili per molti ma assolutamente perfetti per te. Non lasciarti giudicare, crediti come di te non dubito mai io. I momenti nei quali più ti disconnetti da ciò che è giusto per tutti sono i tuoi momenti più perfetti. La verità è che tu hai scelto un modo assolutamente tuo per non lasciarti morire. Ciò che ....... Continua a leggere…


Se incontri una donna (o un uomo!) che sa come desidera essere amata, non scappare. Se lei ti intimidisce parla con lei, riderete insieme di questa sensazione e si stabilirà subito un clima di condivisione. Molti la definiscono "esigente" in realtà lei ha fiducia in sè stessa. Questa donna non si accontenta di niente di meno di quello che merita, si aspetta di ricevere amore e ne dona liberamente. Una donna che sa come vuole essere amata non ....... Continua a leggere…


L’ALBERO DELL’AMORE RECIPROCO

C'era un uomo di Ch'en che, quando dovette separarsi dalla moglie, spezzò in due uno specchio, in modo che ognuno ne tenesse un pezzo. Quando uno dei due si dimenticava dell'altro, i pezzi volavano via, come uccelli. Una donna di Sung agognando il marito, si recò sulla sua tomba e vi rinacque come albero. Adesso è chiamato l'albero dell'amore reciproco. Sulla rotta che le persone percorrono per recarsi in Cina, dimora una divinità, chiama....... Continua a leggere…


Vedi, bambina mia, questo perché la tua vita possa essere vissuta pienamente. Così come una lupa: devota e guardinga, come un’orsa: materna e protettiva, come una volpe: intuitiva e veloce, come una cerbiatta: sensibili e dolce, come una tigre: possente e feroce, come una delfina: ridente e dal cuore gentile, come un serpente: pericolosa e insidiosa, come una leonessa: regale e prepotente, come una gatta: sorniona e casalinga, ....... Continua a leggere…


CERTO È CHE MA È ANCHE CERTO CHE SE ...

Certo che puoi continuare a crederti le tue ferite e il male che ti hanno fatto. Certo che puoi continuare a riconoscerti nei lividi piuttosto che nel sorriso che sa metterli a lato. Certo che puoi continuare così. È che puoi anche smettere di tormentarti però e provare ad accompagnarti senza borbottare. Questo tuo continuo giudicarti, per mano al tuo lamentarti non sostiene il progetto che dentro te fiorisce e che chiede solo credito, tempo e....... Continua a leggere…


Sospiro

La felicità ha il sapore di oggi il caldo di casa Il tepore forte del coraggio la mano che allenta la presa e sa fare scivolare la tua. La felicità ha il profumo di oggi, oltre il disarmo e fino in fondo al cuore. La felicità ha l’odore di oggi, la benda sugli occhi e solo il cuore che guarda e vede e te che in mezzo a tanti sorridi e rinasci. La felicità ha il cuore forte di oggi di chi in silenzio stravolge i piani per....... Continua a leggere…


一期一会 ichi-go ichi-e «Una volta, un incontro» L’OCCASIONE CHE SFIORA E NON PRETENDE, CHE AMA E NON CHIEDE AMORE, CHE SI INCHINA E NON DICE.

Stamattina ho trovato qui su Facebook, l’ennesima foto, dell’ennesimo portafoglio, ritrovato e lasciato nel cestino di una bicicletta in Giappone, per restituirlo al proprietario. È così che mi sono ritrovata a riflettere sul vero senso della profonda onestà. Che non è l’onestà delle regole ma quella del vero senso dell’esistere. Quella che mi consente di chiedere “come stai e se ti occorre qualcosa”, senza per questo aspettarmi ....... Continua a leggere…


UN GIORNO SPECIALE DI UNA ME ASSOLUTAMENTE NORMALE

Sapevo sin da bambina di essere giunta da chissà dove e che la mia vita non cominciava rinascendo. Lo sapevo, come sapevo di avere un amore dall’eterno tempo da qualche parte che aveva anche lui messo e mosso i piedi su questa umana Terra per cercarmi. Ho riempito decine di diari che ancora conservo, scrivendo di lui. Ho sempre saputo che mi sentiva, che mi percepiva e che di me sapeva come io di lui. E sapevo, sapevo che, ovunque lui fosse er....... Continua a leggere…